Trofeo delle Province 2018
In evidenza

21 Maggio 2018
(1 Vota)
Author :  
La Rappresentativa Nuoro/Ogliastra 2018

Quando si parla di “Rappresentativa” ... ...

Quando si parla di "Rappresentativa" e lo si fa in maniera seria ed onesta intellettualmente, si pensa al meglio che possa appunto delineare un qualcosa, in questo caso, noi abbiamo rappresentato una provincia …quella di Nùoro.

 Lo abbiamo fatto con coscienza consapevoli che dovevamo prenderci le nostre responsabilità.001

Trovi sempre chi ti chiederà delle spiegazioni c’è chi lo fa in maniera educata, meno educata o serenamente alle spalle. Noi quest’anno non abbiamo avuto problemi se non qualche piccola e involontaria svista (nostra) che però, siccome segnalata con signorile educazione e garbo, abbiamo subito sistemato ..... chi fa e soggetto anche a fare errori, cretino è chi non li ammette e non prova a porvi rimedio.

I ragazzi che abbiamo convocato sono, stando alle graduatorie e a qualche intuizione dovuta agli allenatori, il meglio che la provincia di Nuoro può esprimere. A loro vanno aggiunti alcuni ragazzi infortunati o indisponibili che avrebbero meritato di giocarsi il posto in squadra.

Ma veniamo alla cronaca dell’avventura “ 3° TROFEO DELLE PROVINCE 2018”:

Dopo una lunga attesa veniamo a conoscenza del programma di questa edizione e subito ci mettiamo a lavoro. Il 1° maggio in occasione della gara provinciale rinviata per pioggia con Roberto e Pierfranco ci mettiamo a spulciare le graduatorie e iniziare a stilare quella che potrebbe essere la lista dei convocati.

Viene fuori un elenco di nomi niente male e quello che ci piace e che i ragazzi sono di tutte le società della provincia…tutti verranno rappresentati..ma di questo ce ne rendiamo conto dopo aver riletto la lista..vuol dire che tutte le società stanno svolgendo al meglio il loro lavoro e noi del comitato non possiamo che esser fieri di questo.

02Preso atto di chi per qualsiasi motivo non risponde alla convocazione preliminare fatta verbalmente si procede con le convocazioni ufficiali e risolta in maniera esemplare la svista di cui si parlava all’inizio si va al raduno tecnico che servirà solo a conoscere i ragazzi e condividere quelle che sono le nostre aspettative per il trofeo. I ragazzi fanno un po di movimento agli ordini dei tecnici societari della provincia presenti, è bene precisare che il raduno era aperto a tutti i tecnici, tutto si risolve in un paio d’ore fra chiacchierata di presentazione, qualche esercizio e arrivederci finale. I ragazzi sono contenti e lo si vede dalle espressioni dei visi e da come scherzano e giocano fra di loro…noi ci guardiamo in faccia e capiamo che stiamo lavorando bene. Tra l’altro anche l’ambiente “tecnico” è sereno e questo non guasta.

Nei giorni a seguire ci si sente al telefono e nell’immancabile gruppo whatsapp, qualsiasi problema viene condiviso e se possibile risolto. L’ultimo nodo viene sciolto ai societari del 12/13 maggio a Sassari ora la squadra è pronta…speriamo bene.

Domenica mattina il pullman parte molto presto dalla pineta Ugolio di Nuoro destinazione Sassari passando per Bolotana,Silanus e Macomer..i ragazzi sono un po assonnati e neanche la consegna delle maglie li sveglia dal torpore mattiniero.

Arriviamo allo STADIO DEI PINI e qui avviene la trasformazione, l’adrenalina sale e questo mi piace molto…si radunano i ragazzi a centrocampo e le parole che dico loro sono poche ma penso colpiscano nel segno..sono attenti mi seguono con gli occhietti ora svegli e non più assonnati come in viaggio..quelle maglie rosse li ha resi una unica squadra e loro sentono il peso della responsabilità che hanno sulle spalle.

Le gare cominciano e i ragazzi sia in pista che nelle rispettive pedane danno il massimo, chi è libero va a tifare e sostenere il compagno, sono in continuo fermento e gioiscono per i risultati conseguiti dalla squadra.

... ... che ci tengano lo dimostra il fatto che addirittura pur vincendo la propria gara c’è chi piange e dice..”potevo e dovevo dare di più….” Sono in pratica insaziabili.

In ogni pedana i ragazzi sono seguiti dai tecnici delle società della provincia: Laura, Norma, Paolo, Vittorio, MariaLucia. Io, Pierfranco e Roberto giriamo instancabili per tutto il campo. Per quanto riguarda la staffetta cadette addirittura ci si avvale della consulenza di un mostro sacro di questa specialità che è Gianni Puggioni, insomma tutti concentrati e operativi.

Non starò qui a dare nomi, risultati e posizioni perché tutti sono arrivati primi per me la soddisfazione di vedere più di 30 ragazzi felici insieme 003non vale nessun titolo o coppa.ma è giusto, per dovere di cronaca, dire che abbiamo vinto il trofeo; questo per noi è molto importante perchè sia noi, sia le società e soprattutto i ragazzi lo abbiamo meritato questo successo; chi mancava non sa cosa si è perso..una vera e sana giornata di sport.

Devo ringraziare tutti:, Pierfranco e Roberto che in questi giorni hanno lavorato il doppio. le società e i loro tecnici che hanno preparato bene i ragazzi..noi non diremo mai che i ragazzi è merito nostro se sono bravi.. magari c’è già chi lo fa e non mi sembra cosa giusta..il merito è dei tecnici di periferia come noi che tanto lavoro fanno senza riflettori e mezzi ma con risultati da far rabbrividire anche i tromboni che da anni non producono altro che travasi di bile e questo a tutti i livelli e in tutti gli sport.

E’ doveroso fare un plauso all’organizzazione. la squadra coordinata dal presidente del comitato provinciale di Sassari Gianni Salaris affiancato dal regionale Sergio Lai ha svolto un lavoro straordinario e questo grazie anche all’ambiente creato da tutte le componenti in primis i Giudici di Gara che hanno assistito i ragazzi rendendo l’ambiente gradevole e collaborativo. Non c’è stata nessuna polemica o protesta ma solo sorrisi e battute come dovrebbe essere in ogni manifestazione di questo bellissimo sport. Insomma tutto perfetto..tutti contenti…ci si è chiesti perché non debba essere sempre così e siamo arrivati anche alla soluzione..ma non lo dirò qui, con gli altri due presidenti presenti, Sergio Lai e Gianni Salaris ci siamo ripromessi di tenercelo per noi con la promessa appunto, che la musica cambierà a breve con il buon senso e la collaborazione di tutti..questa volta io ci credo.

Un grande abbraccio a tutti i ragazzi che hanno partecipato da tutte le province, mi spiace per chi avrebbe voluto esserci e non ha potuto… noi che eravamo presenti usiamo questa giornata come spot per l’atletica giovanile.

Buon atletica a tutti

Devi effettuare il login per inviare commenti

La Federazione Italiana di Atletica Leggera (FIDAL) associazione senza fini di lucro con personalità giuridica di diritto privato, fondata nel 1898, è formata da tutte le società e associazioni sportive costituite ai sensi della normativa vigente che, senza scopo di lucro praticano, in Italia l’atletica leggera, ispirandosi al principio di democrazia e di partecipazione di chiunque in condizioni d’uguaglianza e di pari opportunità. (…) La FIDAL promuove, organizza, disciplina e diffonde la pratica dell’atletica leggera in armonia con le deliberazioni e gli indirizzi del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, confederazione delle Federazioni Sportive Nazionali, (CONI), del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e della Federazione Internazionale di Atletica Leggera (IAAF). Leggi lo Statuto Federale

 

Top
Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Clicca su "More Details" per accedere all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "X" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie. More details…